Volare con Aer Lingus verso gli USA

Nel viaggio USA dell’estate 2019 verso il New England che ha toccato Massachusetts, Maine, New Hampshire, Vermont e Rhode Island, ho scelto un volo Milano Malpensa-Boston e ho volato con la compagnia aerea Aer Lingus, compagnia low cost con base a Dublino.

Ho scelto di volare con Aer Lingus perché, rispetto alle altre compagnie aeree era decisamente più conveniente (sono partita nel mese di agosto, prenotando a febbraio e la differenza di prezzo era di oltre 250 euro a biglietto con un bagaglio registrato).

 

In estrema sintesi posso ritenermi soddisfatta del viaggio (per il mio itinerario e soprattutto perché poter passare direttamente i controlli in dogana USA a Dublino durante lo scalo è un vero plus, saltando poi i controlli all’arrivo in USA), anche se la loro organizzazione e il comfort non sono proprio i massimo. Niente di sconvolgente ma spero che le mie indicazioni vi permettano di organizzarvi meglio per il viaggio.

Fase della prenotazione: il sito internet della compagnia è in tutto simile a tutte le altre compagnie aeree e la prenotazione risulta comoda e immediata.

Fase del check-in: tasto dolente. Il check in online è disponibile 24 ore prima della partenza ma sia all’andata che al ritorno il sito segnalava malfunzionamenti.

All’andata era possibile fare il check in solo fino a Dublino, poi a Dublino prima di raggiungere l’area  "connect flight" a cui si accede con il bar code del secondo biglietto, è stato necessario mettersi in coda per recuperarlo da alcuni addetti della compagnia. Fila lunga ma abbastanza scorrevole. E dal numero di persone presenti era chiaro che fossimo gli unici ad avere avuto problemi di check in. Fortunatamente i bagagli sono spediti comunque alla destinazione finale pur in assenza della stampa del secondo biglietto.

Al ritorno stessa solfa: problemi online ma sono riuscita a fare i biglietti in aeroporto con il self check-in, e utilizzando poi direttamente lo sportello del drop-off per lasciare i bagagli.

Assistenza di terra in aeroporto (Milano MPX): un mezzo disastro, forse anche dato dal fatto che erano i primi giorni dell’aeroporto di Linate chiuso. Due banchi della compagnia non riconoscibili fino a pochi minuti prima dell’apertura che inevitabilmente creano molta coda.

Aerei e servizi: tutto nella norma, classico airbus fino a Dublino, aereo più grande e comodo con schermi personali sul volo verso gli USA. Nota di merito l’intrattenimento per bambini con numerosi cartoni animati, meno vario l’intrattenimento per gli adulti e numero minimo di film in italiano (se non volete correre rischi organizzatevi in autonomia).

Nessuna indicazione particolare sul cibo, mangiabile come nelle altre compagnie “medie” (ricordatevi che acqua e cibo sono gratis solo nel volo Dublino-USA, mentre il volo breve è il classico low cost. In aeroporto a Dublino ci sono moltissime possibilità per ricaricare bottigliette e borracce con acqua, per il ritorno verso l’Italia).

Per il volo notturno di ritorno il servizio è stato veramente basic: portatevi una mascherina perché le luci vengono spente solo per un tempo brevissimo e le luci dell’aereo e degli schermi sono parecchio fastidiosi. Diciamo che la compagnia potrebbe investire pochi euro per una trousse con mascherina, calze, dentifricio e spazzolino, migliorando di molto la qualità del volo.

Controlli di sicurezza per gli USA: super plus (e motivo principale per ci mi sento di consigliare la compagnia!) I controlli di sicurezza per gli USA e il passaggio all'immigrazione sono organizzati direttamente  all'aeroporto di Dublino durante lo scalo, in un'area dedicata. E’ sufficiente seguire le frecce per "pre-clearance" per accedere all’area dedicata con immigrazione USA: controllo bagagli, poi controllo passaporto con raccolta impronte digitali e domande classiche sulla motivazione del viaggio.

Arrivati a Boston, dopo un volo tranquillo e piacevole si arriva direttamente al terminal domestico e si saltano tutti i controlli dell'immigrazione (che sono stata stati fatti a Dublino). In pochi minuti si raggiunge il nastro bagagli e si può comodamente uscire dall’aeroporto (ci piace!!!).

 

Provo a sintetizzare i pro e contro:

+ prezzo

+ immigrazione direttamente a Dublino

+ aerei, servizio intrattenimento e cibo ok (gratuito sul volo Irlanda-USA)

- check in online non sempre funzionante

- poca attenzione al cliente a Milano Malpensa

Per il volo notturno organizzatevi almeno con una mascherina.

 

Che dire, il prezzo competitivo e la pre-clearance a Dublino sono senza dubbio il motivo per cui sceglierei nuovamente la compagnia, a parità di prezzo invece, i servizi in volo fanno perdere un pò di appeal..

 

Spero che il mio post sia di aiuto se state cercando un volo per gli USA e volete informazioni sulla compagnia Aer Lingus!

 

 

Aspetto anche i vostri pareri in merito.

Scrivi commento

Commenti: 0