Spiagge attrezzate a Minorca

E dopo aver scoperto le calette vergini di Minorca, ecco le spiagge più rilassanti, quelle urbanizzate che sono disseminate sull’isola.

Anche qui il mare è splendido, ma le comodità che offrono attirano tantissime persone e quindi, soprattutto le spiagge più piccole nel fine settimana e nei periodi di alta stagione possono essere molto affollate.

Se siete indecisi sulla prossima meta, qui ho raccolto un pò di consigli pratici per visitare la piccola Minorca!

In tutte le spiagge urbanizzate è possibile affittare ombrellone e lettini (intorno ai 15-20 euro al giorno), oppure utilizzare i servizi delle spiagge attrezzate, ma nel tratto di spiaggia libera.

Subito dietro la spiaggia, si trovano bar, ristoranti, docce e bagni. In alcune anche supermarket e area picnic.

Essendo alla ricerca del relax non ne abbiamo visitate molte, le abbiamo scelte soprattutto nelle giornate incerte. Ho provato a dare un ordine, partendo da Ciutadella, in senso antiorario.

 

Le spiagge più vicine a Ciutadella, sono cala Blanca e cala Santandria, molto piccole. Il mare è limpido ma la folla di bagnanti rende tutto caotico.

La sabbia è fine e bianca, e ci sono delle scogliere che circondano ai lati la spiaggia, da dove ci si può tuffare.

Intorno agli scogli tanti ristorantini vista mare. Sono calette da scegliere solo in bassa stagione o se da Ciutadella non avete un vostro mezzo e volete muovervi col bus.

 

Nella punta sud c’è la famosa cala en Bosch che ha anche un porto turistico e nelle vicinanze si trova il faro di Cap d’Artrutx (che è stato trasformato in un ristorante/bar).

La metà della spiaggia è libera. Vale lo stesso discorso delle prime due, troppa gente (ed erano le 18 circa quando siamo arrivati). E’ piacevole la passeggiata dalla spiaggia sul Camì de Cavall.

 

Cala Galdana è una grande spiaggia urbanizzata, nelle vicinanze delle calette vergini più famose (cala Mitjana, Cala Macarella). C’è un nuovissimo grosso hotel che rovina un po’ il paesaggio, ma la spiaggia è comunque suggestiva e tranquilla, perché è molto grande ed è possibile trovare angoli tranquilli.

La spiaggia è incastonata fra due alte scogliere, e la sua acqua è tendente al verde. Il fondale è basso, ed è quindi particolarmente adatta alle famiglie con bambini piccoli.

 

Nell’area urbana di Sant Tomas, è possibile usufruire di alcune piccole spiagge attrezzate, sia nella Platja de Sant Tomas e nella vicina Platja de Atalis. L’area è praticamente colonizzata da grandi alberghi/residence, ma l’abbiamo trovato comunque piacevole perché non troppo affollata. Ci sono bar e ristoranti sul mare.

Nonostante questo c’è anche tanto spazio per chi vuole utilizzare la spiaggia libera.

 

La Platja de Son Bou è la più lunga dell’isola, con passerelle che permettono di muoversi con facilità.

A parte 2 ecomostri, due grandi hotel in un lato della spiaggia che rovinano il paesaggio, merita una visita. Il fondale è basso e particolarmente adatto ai bambini. L’acqua è limpidissima.

Se vi piace camminare in acqua è perfetta.

Son Bou si trova nelle vicinanze di Alaior, il terzo centro per importanza dell’isola, per una sosta. Se scegliete le settimane centrali di agosto, ad Alaior si festeggia la fiesta de Sant LLorenc (festa di San Lorenzo).

Tra la spiaggia e Alaior, sorge un importante villaggio talaiotico, Torre d’en Galmes, che merita una visita. Come ho già scritto, Minorca vanta anche un ampio patrimonio archeologico!

 

Punta Prima è la spiaggia a sud nelle vicinanze di Mahon. La sabbia è bianca ma è davvero affollatissima di turisti e di persone del posto. Davanti a Punta Prima sorge la disabitata Illa De L’Aire; carina per qualche foto ma non per fermarsi una giornata.

Nelle vicinanze, è possibile visitare Binibeca Vell, la ricostruzione di un paese dei pescatori con le casette bianche e un dedalo di viuzze, ideale per gli amanti della fotografia. Anche se “finto” è comunque suggestivo.

 

Arenal d’en Castell è una grande baia semi-urbana che si trova invece a nord dell’isola.

La spiaggia è di sabbia bianca e rossa ed è molto grande, con aree attrezzate che si alternano a spiaggia libera, e una lunga passerella di legno per percorrere tutta la spiaggia. Il mare è davvero bello, cristallino vicino alla riva e con sfumature blu verso gli scogli; la spiaggia è tranquilla, soprattutto se non vi fermate all’inizio, vicino al parcheggio.

 

Il mare minorchino è splendido dappertutto, che sia una spiaggia attrezzata super comoda o una caletta vergine difficile da raggiungere, non rimarrete delusi della scelta!

Scrivi commento

Commenti: 0