Liebster Award, alla scoperta di nuovi blog

Nel post di oggi non si parla di viaggi, oggi si parla del blog, dei social network e del networking.

Ieri sono stata nominata per il premio "Liebster Award".

La simpatica Marika di Coccoontheroad, conosciuta in uno dei tanti gruppi Facebook che seguo, ha menzionato tra tanti nomi di blog di viaggi,anche ViaggioloGi,e quindi eccomi qui.

 

 

Il premio "Liebster Award" è un passaparola per far conoscere i nuovi blog che si affacciano sul web, quindi per travel blogger ma non solo!

Fino a ieri "Liebster Award" era un nome sconosciuto, poi, oltre alla lettura del post di Cocco on the road, ho fatto qualche ricerca in rete per capire meglio “il gioco”.

 

Si tratta di un premio per sostenere i blog meritevoli ma ancora poco conosciuti. Sembra che tutto abbia avuto inizio nel 2011 in Germania, ma si trovano in rete anche alcuni riferimenti al 2010 e se si cerca un po’ online si trova addirittura un sito denominato liebsterawards in lingua spagnola.. La storia è po’ confusa ma l’idea di partenza è interessante.

 

Anche sul numero di followers ci sono varie interpretazioni: primo perché chi ha un blog ha dei lettori, ma i numeri non sono sempre visibili e poi perché followers è tipico dei social network. I lettori/followers ViaggioloGi sono più di 200, ma dal 2011 ad oggi anche quel numero sarebbe da aggiornare considerando l’esplosione del web., magari passando a…  2000 (? Non saprei)!

Ma non divaghiamo.

 

Queste le regole da seguire una volta ricevuta la nomination:

- ringraziare i blog che ti hanno assegnato il premio citandoli nel post FATTO!

- rispondere alle undici domande poste dal blog stesso

- formulare altre undici domande a cui gli altri blogger dovranno rispondere

- informare i blogger del premio assegnato

 

1) Quale è stato il viaggio che ti ha lasciato il segno indelebile?

Ogni viaggio di per sé mi lascia qualcosa, anche solo un ricordo, un profumo, un gadget sulla mensola.

Indelebili sono i sorrisi dei polinesiani, e la sensazione di benessere nel passeggiare di notte sulla spiaggia illuminata esclusivamente dalla luna ad Aitutaki.

Indelebile, nel vero senso della parola, è il mio primo viaggio in solitaria per studio in Spagna, nel lontanissimo 2004, che è diventato un piccolo tatuaggio.

2) Dove hai mangiato il piatto più disgustoso e quale era?

Sono una persona curiosa, anche nella cucina, e assaggio tutto. Ho imparato ad assaggiare prima di chiedere “Che cos’è?”, altrimenti mi faccio condizionare.

In Thailandia però, ho rinunciato ad assaggiare gli insetti.  

3)Il monumento che più ti appartiene, anche se non lo hai mai visto dal vivo è?

Non ho monumenti preferiti perché ogni paese ha i suoi tesori, che si incastrano nella storia, nella cultura e nel paesaggio del paese stesso.

Spesso i monumenti che più mi conquistano non sono costruzioni dell’uomo, ma della natura. I parchi USA della West Coast ne sono un esempio.

4) Quale è per te la compagnia aerea migliore che hai provato?

Forse sorprenderà, ma nonostante abbia testato Emirates e Qatar Airways, la compagnia migliore per me è Virgin Atlantic perché è stata l’unica volta nella mia vita in cui ho ricevuto un upgrade e ho viaggiato da New York a Londra in premium economy. Una pacchia!

5) Quale è la tua prossima meta o il sogno di viaggio nel cassetto?

La prossima meta sarà Minorca, perché quest’anno bisogna staccare la spina e Minorca dovrebbe essere un buon compromesso tra spiaggia e natura.

Spiaggia, natura selvaggia (Minorca è stata dichiarata riserva della biosfera dall’UNESCO) e ospitalità spagnola ci attendono

6) Hai conosciuto tanta gente durante i tuoi viaggi?

Quando viaggio per un fine settimana è difficile conoscere persone perché il tempo è davvero poco. Nei viaggi lunghi, invece, è più facile conoscere altri viaggiatori ma il difficile è poi mantenere i rapporti una volta tornati a casa. Fortunatamente ci sono i social network che accorciano le distanze.

7) Sei più un tipo da sacco a pelo o da letto King Size?

Sono una persona adattabile a qualsiasi situazione, e nei miei viaggi privilegio le soluzioni low cost, anche se non amo il campeggio. Se ci fosse un King Size con una buona offerta sarebbe il top ;)

8) Se potessi scegliere un paese dove vivere sarebbe?

Ehm… Non saprei.

A parole mi piacerebbe vivere in un posto con il mare e un clima caldo, ma anche grandi metropoli non mi dispiacerebbero. In realtà, ogni paese credo abbia i suoi pregi e i suoi difetti.  Ad oggi non ho idea di trasferirmi fuori dall’Italia, anche se ogni tanto mi lamento..

9) Quando visiti un luogo preferisci affidarti alle guide turistiche o fai da te?

99 su 100 l’organizzazione è fai-da-te: il viaggio inizia prima della partenza perché mi piace organizzare le tappe,  scovare posti insoliti. Il fai-da-te è anche l’opzione più economica.

10) Se ora ti proponessero di visitare uno di quei Paesi dove ci sono problemi di guerra o terrorismo (Syria, Libia, ecc. ecc.) cosa faresti? 

Sono sincera, non partirei. La voglia di scoprire posti nuovi è sempre tanta, ma credo che, come ogni cosa, sia meglio usare la testa e quindi rimanderei.

11) Preferisci visitare un paese con un clima caldo o freddo?

In linea generale preferisco i posti con clima caldo, però tra le tante mete da sogno ci sono anche posti freddi, in primis l’Islanda!

Ed ora tocca a me!

Nomino di seguito alcuni blog di viaggio che seguo e che incrocio nei vari gruppi, se ci fosse qualche amico o ”collega” non sulla lista è comunque libero di partecipare e rispondere alle mie domande.

Se siete già stati nominati, nessun problema, potete rispondere anche queste domande o lasciar cadere la nomination.

Lo spirito del premio è soprattutto il divertimento e il farsi conoscere.

 

Sara  emotion on the road 

Elena Elena-cittadinadelmondo 

Michela  Warm Cheap Trips 

Silvia  appunti in valigia

Teresa  Nonni Avventura

Katia  Il Miraggio 

Stefania aspassoperlaspagna

 

Ecco le mie domande!

 

1) Da cosa deriva il nome del tuo blog?

2) Cosa ricordi del tuo primo volo?

3) Citazione sui viaggi preferita?

4) Quando viaggi sei più blogger o più traveller?

5) Se si potesse fare un salto nel tempo, in che periodo ti piacerebbe vivere?

6) Se dico USA, la prima parola che ti viene in mente è..

7) Il volo con il costo più basso in assoluto che hai acquistato?

8) Cucina straniera preferita?

9) Milano o Roma?

10) Il viaggio che non dimenticherai mai

11) In un viaggio: mai partire senza?

 

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Michela (mercoledì, 22 giugno 2016 16:43)

    Ma grazie per aver pensato a me! Appena riesco rispondo con piacere :D

  • #2

    Gi-ViaggioloGi (mercoledì, 22 giugno 2016 16:57)

    Ciao Michela,
    grazie a te per partecipare al contest.
    A presto,
    Gi

  • #3

    Katia (lunedì, 27 giugno 2016 09:40)

    Grazie per avermi nominato ... sto meditando sulle domande/risposte e appena riesco, arrivo con il tutto! :)

  • #4

    Gi - ViaggioloGi (lunedì, 27 giugno 2016 09:50)

    Ciao Katia, grazie a te per la partecipazione! E' un gioco, non ci sono obblighi e non c'è fretta!
    Buona giornata

  • #5

    Maria Francesca Milione (domenica, 03 luglio 2016 17:27)

    Colgo l'iniziativa e ti ringrazio. Inizio a rispondere subito alle domande